Rocket League diventa realtà

Gli sviluppatori di Rocket League hanno appena annunciato che questa estate uscirà la prima collezione delle macchinine presenti nel videogioco.
Ma facciamo un passo indietro. Rocket League è stato il primo videogioco che è riuscito a mescolare due sport molto differenti: il calcio e le corse automobilistiche.
Il gioco si sviluppa in un classico campo da calcio caratterizzato da porte sproporzionate e allestimenti molto futuristici.
I calciatori sono stati sostituiti da auto stravaganti e completamente personalizzabili in ogni particolare. L’obbiettivo è cercare di mandare in porta il pallone, compendolo con la auto da noi pilotata.
Grazie alla collaborazione con Zag Toys, Psyonix vuole portare nel mondo reale le automibili che l’hanno resa famosa nel mondo dei videogiochi.
Dalle prime indiscrezioni, sembra che auto reali potranno essere comandate dal classico movimento a molla “carica e rilascia”.
La scelta di questo sistema è molto strana. Forse era più logico creare un sistema radiocomandato così da ricreare il sistema di gioco digitale.
Al lancio saranno disponibili 12 modelli, tra cui Octane, Dominus, Masamune, Hotshot, Grog, X-Devil, Merc, Backfire e 4 “limited variants”. Ogni vettura sarà  disponibile con la propria sfera, inoltre Psyonix assicura che ci saranno contenuti in-game da scaricare sulla propria console.

Autore dell'articolo: Giovanni G.

Classe ’87. Laureato in Ingegneria. Appassionato di tecnologia grazie ai prodotti Apple. Cerco sempre nuove innovazioni che possono cambiarci la vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *